Granulomatosi con poliangite (GPA)

Che cos’è la granulomatosi con poliangite

E’ una malattia rara ad andamento cronico e ad insorgenza talvolta acuta , con compromissione di organi importanti come ad esempio polmone, rene, nervi periferici, cuore, altre volte insidiosa con coinvolgimento principalmente delle prime vie respiratorie (naso e seni frontali o mascellari). I pazienti con l’impegno delle prime vie aeree a loro volta possono progredire se non curati verso l’interessamento di organi più importanti.  Colpisce prevalentemente la popolazione caucasica mentre è rara tra gli africani e gli asiatici. Può interessare tutte le età senza differenze tra i sessi.

Cause

Sulla base di una predisposizione genetica, fattori scatenanti come eventuali  infezioni  delle prime vie respiratorie e del naso determinano la formazione degli ANCA che attivano un processo infiammatorio a carico della parete dei vasi.

Sintomi

Dolori articolari, febbre malessere generale, perdita di peso inizialmente possono essere o non essere presenti. Tosse, sangue nell’escreato e mancanza di respiro  rivelano il coinvolgimento polmonare sia nella forma di una alveolite emorragica (infiammazione dei polmoni con emorragia)  sia di noduli polmonari multipli e bilaterali (40-70% dei pazienti) che in un quarto dei casi possono escavarsi o sovrainfettarsi. In alcuni casi l’interessamento polmonare può decorrere senza sintomi Sangue  o perdita di proteine nelle urine rivelano l’impegno renale con aspetti che possono essere di lieve entità o evolvere verso una insufficienza renale rapidamente progressiva e condurre alla dialisi anche nell’arco di pochi giorni o settimane. Altre sedi di malattia localizzata sono rappresentate dall’occhio con infiammazione , dalla comparsa di formicolii alle braccia o alle gambe per coinvolgimento dei nervi periferici con perdita della sensibilità o deficit motori, dalla comparsa di noduli cutanei  o di porpora palpabile.

Diagnosi

Un aumento della VES o della  PCR, una anemizzazione più o meno severa, un’aumento delle piastrine e dei globuli bianchi sono pressoché costanti in tutti i pazienti nella fase acuta. Un aumento più o meno marcato della creatinina e il riscontro di sangue nelle urine sono indicativi del coinvolgimento renale, mentre l’osservare sangue nello sputo è indice di una alveolite emorragica. Gli ANCA con specificità per il PR3, patognomonici della malattia, possono essere riscontrati nel 90-95% dei pazienti L’entità del danno d’organo residuo (insufficienza renale, respiratoria, cardiaca, lesioni permanenti dei nervi periferici) dipende dalla precocità della diagnosi, dai farmaci utilizzati e dalla risposta individuale alla terapia.


Prognosi

Se adeguatamente trattata permette una sopravvivenza a 5 anni di oltre il 70% dei pazienti utilizzando le terapie tradizionali (immunosoppressori e cortisone). Il 38% dei malati sviluppa tuttavia nel tempo delle riacutizzazioni della malattia che non sempre possono venire controllate dai farmaci comunemente utilizzati.

Trattamento

La terapia può essere suddivisa in due fasi: l’induzione della remissione e quella di mantenimento. I cortisonici sono utilizzati sia nella terapia di induzione (1 mg/Kg/die o “boli” di 1 gr/die per 3 giorni consecutivi quando vi sia una insufficienza d’organo) che in quella di mantenimento a dosi gradualmente minori. Si sono dimostrati tuttavia insufficienti a controllare da soli una malattia attiva quando ne venga ridotta la dose giornaliera Si associano quindi farmaci immunosoppressori. In presenza di una insufficienza d’organo i farmaci di scelta sono  il Rituximab  (due  infusioni del farmaco a distanza di 15 giorni una dall’altra) o  la ciclofosfamide per os alla dose di 2mg/kg/die per 3-6 mesi o a boli (0.5-2.5 g a intervalli inizialmente di 2-3 settimane poi mensili per 6 cicli consecutivi). La ciclofosfamide presenta tuttavia una tossicità severa sia a breve termine (immunosoppressione grave con soprainfezioni o cistite emorragica) che nel lungo periodo (cancerogenesi) Una volta superata la fase acuta, si preferisce utilizzare farmaci meno tossici e la malattia viene mantenuta in remissione con Azatioprina (2 mg/kg), Methotrexate 20-25 mg/settimana (da preferire nelle forme localizzate di GPA)  Mycofenolato (2 gr/die) o infusioni di 1000 mg di Rituximab ogni 6 mesi. Poiché il trattamento immunosoppressivo può aumentare il rischio di infezioni opportunistiche è consigliabile associare Trimetoprin/Sulfametossazolo (800/160 mg die a giorni alterni o 400/80 mg die) per la prevenzione delle infezioni da Pneumocysti Jiroveci. Non vi sono pareri unanimi circa la durata del trattamento che tuttavia non deve essere inferiore all’anno.


Chi siamo

Direttore Leonardo Punzi (Venezia)
Condirettori Andrea Doria (Padova); Silvia Pierotti (Regione Veneto); Maurizio Rossini (Verona)
C. Bernardi (Venezia)
M. Chia (Hemove Onlus)
F. Cozzi (Venezia Mestre)
P. Galozzi (Hemove Onlus)
D. Gatti (Verona)
P. Marson (Padova)
F. Oliviero (Padova)
M. Rizzi (San Donà di Piave)
M. Saia (Azienda Zero)
F. Schiavon (Padova)
F. Zulian (Padova)
L. Bernardi (Venezia)
A. Fassio (Verona)
M. Favero (Treviso)
M. Gatto (Padova)
L. Idolazzi (Verona)
G. Martini (Padova)
L. Nalotto (Venezia)
F. Ometto (Belluno-Padova)
A. Ortolan (Padova)
R. Padoan (Padova)
O. Viapiana (Verona)
E. Zanatta (Padova)
M. Zen (Padova)
G. Adami (Verona)
D. Astorri (Venezia)
M. Avossa (Venezia)
S. Bettio (Treviso)
D. Biasi (Verona)
C. Botsios (Padova-Montebelluna)
A. Calligaro (Padova)
S. Cardarelli (Belluno)
G. Cardinale (Padova)
A. Carletto (Verona)
V. Carraro (Venezia)
G. Cassisi (Belluno)
G. Cesaro (Mirano)
L. Ciprian (Venezia Mestre)
M. Ciprian (Feltre)
S. Corbanese (Vittorio Veneto)
L. Cozzi (Padova); P. De Sandre (Vicenza)
T. Del Ross (Padova)
S. Della Libera (San Donà di Piave)
M. Facchinetti (Padova)
C. Facchini (Conegliano)
M. Favaro (Padova)
E. Fracassi (Verona)
P. Frallonardo (Dolo)
L. Friso (Santorso)
A. Giollo (Verona)
C. Grava (Belluno)
R. Gusi (Bassano del Grappa)
A. Hoxha (Vicenza)
L. Iaccarino (Padova)
P. Lazzarin (Padova-Monselice)
M. Lagni (Santorso)
A. Lo Nigro (Treviso)
S. Lombardi (Verona)
A. Marchetta (Negrar)
H. Marotta (San Donà di Piave)
V. Modesti (Montebelliuna)
G. Orsolini (Verona)
P. A. Ostuni (Padova)
M. Pianon (Treviso)
E. Pigatto (Venezia Mestre)
M. Podswiadeck (Santorso)
R. Ramonda (Padova)
M. Rampudda (Peschiera del Garda)
L. Riato (Camposampiero)
D. Righetti (Peschiera del Garda)
A. Roncaglione (Portogruaro)
P. Rossini (Trecenta)
C. Scambi (Verona)
P. Sfriso (Padova)
E. Sgnaolin (Vicenza)
F. Tiso (Santorso)
G. Tonini (Rovigo)
E. Vaccaro (Venezia)
A. Varotto (Padova)
M. Vitiello (Dolo)
Direzione
Direttore Leonardo Punzi (Venezia)
Condirettori Andrea Doria (Padova); Silvia Pierotti (Regione Veneto); Maurizio Rossini (Verona)
Comitato Editoriale
C. Bernardi (Venezia)
M. Chia (Hemove Onlus)
F. Cozzi (Venezia Mestre)
P. Galozzi (Hemove Onlus)
D. Gatti (Verona)
P. Marson (Padova)
F. Oliviero (Padova)
M. Rizzi (San Donà di Piave)
M. Saia (Azienda Zero)
F. Schiavon (Padova)
F. Zulian (Padova)
Comitato di Redazione
L. Bernardi (Venezia)
A. Fassio (Verona)
M. Favero (Treviso)
M. Gatto (Padova)
L. Idolazzi (Verona)
G. Martini (Padova)
L. Nalotto (Venezia)
F. Ometto (Belluno-Padova)
A. Ortolan (Padova)
R. Padoan (Padova)
O. Viapiana (Verona)
E. Zanatta (Padova)
M. Zen (Padova)
Comitato Scientifico
G. Adami (Verona)
D. Astorri (Venezia)
M. Avossa (Venezia)
S. Bettio (Treviso)
D. Biasi (Verona)
C. Botsios (Padova-Montebelluna)
A. Calligaro (Padova)
S. Cardarelli (Belluno)
G. Cardinale (Padova)
A. Carletto (Verona)
V. Carraro (Venezia)
G. Cassisi (Belluno)
G. Cesaro (Mirano)
L. Ciprian (Venezia Mestre)
M. Ciprian (Feltre)
S. Corbanese (Vittorio Veneto)
L. Cozzi (Padova); P. De Sandre (Vicenza)
T. Del Ross (Padova)
S. Della Libera (San Donà di Piave)
M. Facchinetti (Padova)
C. Facchini (Conegliano)
M. Favaro (Padova)
E. Fracassi (Verona)
P. Frallonardo (Dolo)
L. Friso (Santorso)
A. Giollo (Verona)
C. Grava (Belluno)
R. Gusi (Bassano del Grappa)
A. Hoxha (Vicenza)
L. Iaccarino (Padova)
P. Lazzarin (Padova-Monselice)
M. Lagni (Santorso)
A. Lo Nigro (Treviso)
S. Lombardi (Verona)
A. Marchetta (Negrar)
H. Marotta (San Donà di Piave)
V. Modesti (Montebelliuna)
G. Orsolini (Verona)
P. A. Ostuni (Padova)
M. Pianon (Treviso)
E. Pigatto (Venezia Mestre)
M. Podswiadeck (Santorso)
R. Ramonda (Padova)
M. Rampudda (Peschiera del Garda)
L. Riato (Camposampiero)
D. Righetti (Peschiera del Garda)
A. Roncaglione (Portogruaro)
P. Rossini (Trecenta)
C. Scambi (Verona)
P. Sfriso (Padova)
E. Sgnaolin (Vicenza)
F. Tiso (Santorso)
G. Tonini (Rovigo)
E. Vaccaro (Venezia)
A. Varotto (Padova)
M. Vitiello (Dolo)

A questo sito ha contribuito con supporto incondizionato:
Bristol-Myers Squibb

Il SITO INFORMATIVO SULLE MALATTIE REUMATICHE è promosso dall'Associazione HEMOVE ONLUS

vai alla homepage di hemove.org

Torna in cima